Il Giorno del Giudizio nell’Islam

10 Risposte

  1. Carmine ha detto:

    Bhe, presentato cosi il giudizio finale sull’umanità sembra davvero che tutto sia lecito al mondo, unica condizione è credere ad Allah e a Maometto. Credo che sia l’unica “religione” al mondo che abbia una morale del genere. In teoria un mussulmano potrebbe mettersi sul balcone di casa e giocare a tiro al bersaglio con gli infedeli che camminano per strada e essere tra i migliori nel giorno del giudizio.
    Nel Vangelo di Matteo 25,31-46, Gesù parla del giudizio finale, e il giudizio non terrà affatto conto “in cosa hanno creduto” le persone, ma se hanno fatto opere di carità, accoglienza, magnanimità, fraternità ecc. E chiunque si sarà comportato in questo modo, anche non essendo cristiano, sarà premiato da Dio, perchè implicitamente avrà realizzato tutto ciò che Gesù ha insegnato.

    Mi viene una osservazione: Ammettendo che, come erroneamente vogliono far credere i mussulmani, che la Bibbia sia stata alterata, di un unico libro si dovrebbe essere certi che non sarebbe potuto essere alterato e cioè l’Apocalisse, in quanto al 22,18-19 è scritto ” Dichiaro a chiunque ascolta le parole profetiche di questo libro: a chi vi aggiungerà qualche cosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell’albero della vita e della città santa, descritti in questo libro”. Ora, come mai nell’apocalisse, descrivendo gli eventi finali, non si menziona in alcun modo Maometto? E inoltre da nessuna parte di esse si dice che si salvano solo chi ha aderito a una “religione” specifica, anzi al contrario, si salvano coloro che hanno compiuto opere di bene e di misericordia, che si sono comportati rettamente nei confronti degli altri e non hanno ceduto alla “bestia” e al suo “falso profeta”…. già si parla di un falso profeta, che avrebbe corrotto l’umanità con la sua falsa dottrina e avrebbe portato moltissimi uomini a credere alla bestia, ma alla fine saranno precipiatati da Dio nell’abisso… questo ultimo fatto fa fare delle analogie… abbastanza evidenti…

  2. Valen ha detto:

    Ognuno verrà giudicato secondo i propri meriti non per ciò che crede. È un interpretazione erronea e sbagliata che avete fatto del Corano. Allora madre Teresa che ha fatto il bene va all inferno e hussein che ha fatto anche uccidere tanti innocenti va in paradiso?? Non è così che funziona, mi dispiace. Il semplice fatto di essere mussulmani non è un lasciapassare per il paradiso. Come fosse un permesso di soggiorno!! No, miei cari, sono le opere buone che si compiono che lo fanno meritare. Tanto al cristiano quanto al mussulmano.

  3. Alessio G. ha detto:

    Valentina, in base a cosa dici questo? Perché a me risulta che – come scritto anche nell’articolo – secondo l’Islam la salvezza è destinata solo ai musulmani. Le opere buone che compiono gli atei per Allah non valgono niente. Ti dirò di più: secondo l’Islam Allah può decidere di mandare all’inferno anche i musulmani che hanno passato la loro esistenza a fare del bene, visto che Allah non ha vincoli e può decidere di mandare all’inferno a seconda di come gli gira.

    • Ilyass El Alami ha detto:

      Questo è un insulto alla religione mussulmana.
      Questo testo tratta erroneamente tutto ciò che dice il Corano screditandolo.
      Vi faccio una semplice domanda, quando il povero o il maltrattato avrà diritto ad un riscatto?
      In questo testo vengono citate frottole belle e buone perchè nessuno e ripeto nessuno crederebbe ad un Dio che perdona le persone che si macchiano di atti vergognosi senza essersene pentito pienamente.
      Riguardo alla religione fai da te questo è solo un eufemismo che si attribuisce a persone che spesso dicono sbagliando, di essere mussulmane senza prima aver svolto una ricercanapprofondita su quella che chiamano loro religione.
      Sfido qualunque letterato o professore a correggere il Corano, perchè semplicemente non ci sono errori ne grammaticali ne errori che fanno perdere il soggetto al lettore .

  4. Valen ha detto:

    Ma certo che Dio può fare quello che vuole perché è onnipotente, ma è anche vero che Lui è giustizia infinita e misericordia, non lascerà mai che una persona che ha fatto del bene vada all’inferno. Bisogna avere fede in Dio, non nella paura e nel terrore. Se scrivete queste cose, fomentate gente che già è violenta di per se e in questo modo crede di essere nel giusto.

  5. Valen ha detto:

    Forse non avete capito io NON SONO MUSSULMANA e volevo solo essere in accordo con il commento di Carmine.

  6. Valen ha detto:

    Fonte WIKIPEDIA: I musulmani credono che sia solo Dio, nella Sua insondabile e insindacabile Volontà, a determinare l’ingresso nel Paradiso degli uomini, fossero anche appartenenti ad altre religioni. Per la sua Onnipotenza, è solo per Sua grazia che il pio musulmano spererà quindi di esserne ricompensato alla fine dei suoi giorni terreni, il cui termine è fissato da Dio.

  7. Alessio G. ha detto:

    Valen Wiki dice quello che ho detto io. Dio, secondo i musulmani, è talmente onnipotente che può fare qualsiasi cose egli voglia, anche far andare all’inferno un giusto (un musulmano pio) e in paradiso un ateo che ha passato la sua vita a bestemmiare e ad uccidere le persone innocenti.
    Capisci quanto è assurdo il concetto di onnipotenza di Allah secondo i musulmani?

  8. Ilyass El Alami ha detto:

    Io sono d’accordo con Valen e penso semplicemente che alcune persone vogliano il fatto che l’Islam sia una religione sbagliata e spesso l’associano ad azione che compiono dei pazzi in nome dell’Islam

  9. Carmine ha detto:

    Ho letto i commenti Ilyass El Alami, innanzitutto vorrei dire che sarebbe bello se dimostrasse, con citazioni del Corano e delle Hadith ecc, le sue affermazioni, e cioè che Allah punirà anche il mussulmano che ha compiuto atti vergognosi verso un non mussulmano.
    Sarò forse io che ricordo male, ma ricordavo che tutto ciò che un mussulmano fa verso un “infedele” è sempre lecito e voluto da Allah… faccio solo qualche esempio: I musulmani sono incoraggiati ad occuparsi totalmente nel combattimento per la gloria di Allah [Sura 22:73] , Allah darà “una più grande ricompensa a coloro che combatteranno per lui” [Sura 4:96]
    Circa gli infedeli (coloro che non si sottomettono all’Islam), costoro sono “gli inveterati nemici” dei musulmani [Sura 4:101]. I musulmani devono “arrestarli, assediarli e preparare imboscate in ogni dove” [Sura 9:95]. I musulmani devono anche “ circondarli e metterli a morte ovunque li troviate, uccideteli ogni dove li troviate, cercate i nemici dell’Islam senza sosta” [Sura 4:90]. “Combatteteli finché l’Islam non regni sovrano” [Sura 2:193]. “tagliate loro le mani e la punta delle loro dita” [Sura 8:12]
    Se un musulmano non si unisce alla guerra, Allah lo ucciderà [Sura 9:93]. Al fedele deve essere detto “ il calore della guerra è violento, ma più violento è il calore del fuoco dell’inferno” [Sura 9:81]
    Un musulmano deve “combattere per la causa di Allah con la devozione a Lui dovuta” [Sura 22:78]
    I musulmani devono far guerra agli infedeli che vivono intorno a loro [Sura 9:123]
    I musulmani devono essere “brutali con gli infedeli” [Sura 48:29]
    Un musulmano deve “gioire delle cose buone” che ha guadagnato con il combattimento [Sura 8:69]
    Un musulmano può uccidere ogni persona che desidera se è per “giusta causa” [Sura 6:152]
    Allah ama coloro che “combattono per la Sua causa” [Sura 6:13]. Chiunque combatta contro Allah o rinunci all’Islam per abbracciare un’altra religione deve essere “messo a morte o crocifisso o mani e piedi siano amputati da parti opposte” [Sura 5:34]
    – “Chiunque abiuri la sua religione islamica, uccidetelo”. [Sahih Al-Bukhari 9:57]
    “Assassinate gli idolatri ogni dove li troviate, prendeteli prigionieri e assediateli e attendeteli in ogni imboscata” [Sura 9:5]

    – “Prendetelo (l’infedele n.d.t.) ed incatenatelo ed esponetelo al fuoco dell’inferno” [Sura 69:30]
    – “Instillerò il terrore nel cuore dei non credenti, colpite sopra il loro collo e tagliate loro la punta di tutte le dita” [Sura 8:12]
    – “Essi (gli infedeli ndr) devono essere uccisi o crocefissi e le loro mani ed i loro piedi tagliati dalla parte opposta [Sura 5:33]
    “Sappiate che il paradiso giace sotto l’ombra delle spade” [Sahlih al-Bukhari Vol 4 p55]

    Vorrei inoltre porre l’attenzione alla Sura 9:93, dove si dice che Allah punisce pure i mussulmani certo, ma solo quelli che si rifiutano di combattere violentemente gli infedeli.
    Tutta questa violenza contro gli infedeli non sono comunque “atti vergognosi” ?

    Poi vorrei aggiungere per quanto riguarda “la perfezione del Corano” che già la semplice lettura è di una difficoltà enorme, inffatti si passa da un argomento all’altro senza capo ne coda o filo logico, Infatti é una lettura tediosa, e non si può dire che è perfetto perchè non ci sono errori grammaticali, perchè nemmeno nelle “Avventure di Pinocchio ” ci stanno errori grammaticali. Inoltre non si dica che il problema che non si capisce nulla è dato dalla traduzione, in quanto le traduzioni sono al 99 per cento fatte da Mussulmani!

    Ultima cosa: non giustifichiamo l’islam dicendo che sono pazzi quelli che fanno stragi e cose simili, perchè se si leggono bene Corano e hadith, essi sono nella volonta giusta di Allah!

Rispondi