Maometto sapeva scrivere

3 Risposte

  1. Hamid ha detto:

    Mi dispiace lei e ignorante
    Ummii in arabo soprattutto nel
    Versetto che hai citato non vuol
    Dire illetterato

  2. Carmine ha detto:

    E’ ampiamente documentato che erano una grande percentuale gli ebrei, e sopratutto i giudei, che a partire del regno di Davide, 1000 A.C., imparavano a leggere… un indizio sotto gli occhi di tutti è la pratica del “bar mitzvha” a cui ogni ragazzino intorno ai 12 anni era tenuto (attualmente ancora si fa), dove è previsto che il ragazzo dovesse leggere dei versetti della Torha e commentarli alla presenza di tutti. Era usanza (anche questa molto documentata) che i bambini venissero affidati a un rabino perchè gli insegnasse a leggere e imparare la Torha…
    Sorge spontanea la domanda : l’onnisciente Allah non sapeva forse queste cose? o forse è più plausibile pensare che chi scrive quei versetti coranici non mistifichi volutamente la verità per esaltare la figura di Maometto a discapito del resto? O magari, a voler pensare in buona fede, forse avendo esperienza solo di qualche piccola tribù stanziata nel deserto Maometto si era fatto una idea del tutto distorta della cultura ebraica perchè magari non avevano possibilità di rabbini che insegnassero ai ragazzini ?
    Certo che un affermazione del genere, e cioè che gli ebrei non conoscessero la torha, è risibile, perchè comunque tutta la vita di un ebreo, soprattutto a quei tempi, girava intorno alle leggi e ai precetti della torha. Uno dei precetti conisteva proprio nel trasmettere le vicende e le leggi della torha di padre in figlio (vedasi l’haggaddà shel pesach).

    In questa, e in molte altre parti del Corano, Allah sembra non essere affatto onnisciente, e molto più preoccupato che si creda in “Maometto” e di raggiungere gli scopi di questo a tutti i costi e con qualunque sotterfugio… molto umana come cosa e per nulla divina… Alcuni versi sembrano più che altro molto in linea con “il Principe” di Machiavelli.

Rispondi